Corruptissima re publica…..

Corruptissima re publica plurimae leges.

(Publius Cornelius Tacitus)

Tacitus

Categories: Uncategorized

This global protest map will shock and surprise you

This global protest map will shock and surprise you

This is actually impressive.

[...] a few things are clear: people around the world are exercising their right to protest and the media – if anything – are certainly listening. The question now is this: Are the people in power? [...]

Have a look.

Vendetta – 01

Prima di intraprendere il viaggio della vendetta,

scava due tombe.

(Confucio)

A portrait of Confucius by the Tang Dynasty artist Wu Daozi (680–740) Behind a residence are two graves (Lincoln, New Mexico, USA)

Categories: Uncategorized

Paradossi

A volte ci sentiamo come il gatto di Schroedinger.

Categories: Uncategorized

difetti altrui

A volte (spesso?) additiamo gli altri per difetti che non abbiamo il coraggio di attribuirci, mentre, come un cancro, ci consumano.

Gran parte della libertà consiste nel sapersi moderare

Magna pars libertatis est bene moratus venter et contumeliae patiens.    (Lucius Annaeus Seneca [4 a.C. – 65], “Epistulae morales ad Lucilium“, Liber XX, Epistula CXXIII)

A great step towards independence [freedom] is a good-humored [well-educated] stomach, one that is willing to endure rough treatment.

Gran parte della libertà consiste in uno stomaco bene educato [ben morigerato], che sappia sopportare le offese.

Gran parte della libertà consiste nel saper dominare l’appetito.

Gran parte della libertà consiste nel sapersi moderare.

Uomini che odiano le donne – 1

Si discute molto dopo il terribile omicidio di una giovane ragazza ad opera del suo “fidanzatino”, come si divertono a chiamarlo i media nazionali (vedi http://www.ilpost.it/2013/05/27/ragazza-uccisa-corigliano-calabro/). E qualcuno (o forse dovrei dire tanti, anche tra i calabresi…) coglie l’occasione per tracciare un veloce e terribile ritratto della societa’ calabrese (ah, esiste una societa’ “calabrese”? interessante…). 

Spendero’ anche qui i miei 2 centesimi, cosa che forse sto iniziando a fare troppo spesso. Probabilmente ci sono zone e sacche di arretratezza in misura maggiore che nella maggior parte delle altre aree d’Europa, e’ vero. Che poi, vorrei vedere dati concreti, piuttosto che “sensazioni”. Ma ammettiamo che ci siano in misura maggiore che nella media europea, cosa plausibile… voi, amici calabresi, conoscete soltanto realta’ del genere? Saro’ fortunato, ma ho girato tanto, in italia, all’estero e in calabria, e, per quanto abbia incontrato realta’ simili a quelle descritte in queste ore, ne ho incontrate molte di piu’ molto diverse. Attenzione, per di piu’, attenzione a non distinguere tra realta’ piu’ “urbane” e realta’ piu’ “rurali” – e attenzione (per la terza volta): lo so sto che tagliando con l’accetta, esponendomi alle stesse critiche che intendo muovere io.

Negare che ci sia un problema sul rapporto tra uomini e donne nel Sud del paese, specie guardando gli indici di occupazione femminile, sarebbe miope e stupido. Ci mancherebbe. Ma credere che sia solo un problema locale, soprattutto quando negli ultimi mesi non hanno fatto altro che bombardarci di messaggi “sensibilizzanti” al problema della violenza sulle donne UBIQUAMENTE DIFFUSA, mi pare davvero ridicolo.

Troppo facile parlare di arretratezza, per sentirti migliori. Troppo facile tirarsene fuori, anche quando si viene da certe “realta’”, cosi’ da sentirsi maggiormente “emancipati”, maggiormente “moderni”, maggiormente “civili”. Troppo facile, quando omicidi simili si vedono nei balcani, a roma (ricordiamo pochi accoltellamenti fuori dalle discoteche romane per SGUARDI DI TROPPO? memoria corta, amici miei.. memoria corta…), in lombardia, nelle fiction – e nella cronaca! – francesi, tedesche, americane che dir si voglia… ah, ma quella e’ finzione: avete ragione. La realta’ si dimentica presto, tra le colonne di un quotidiano “progressista”.

Categories: Uncategorized
Follow

Get every new post delivered to your Inbox.

%d bloggers like this: